fbpx
Vai al contenuto
Home » News » Ristrutturazione edilizia: agevolazioni fiscali e tipologia di interventi

Ristrutturazione edilizia: agevolazioni fiscali e tipologia di interventi

Bonus edilizi

Il governo ha prorogato diverse agevolazioni fiscali per chi vuole effettuare una ristrutturazione edilizia: dal Bonus Casa 2022 all’Ecobonus ecco come funzionano le detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione

H2 Bonus casa 2022 cos’è, come funziona e lavori ammessi

Le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia rientrano tra le agevolazioni riconosciute nell’ambito dei bonus Casa 2022.

Per i lavori effettuati dal 1° gennaio 2022 e fino al 31 dicembre 2024 il bonus ristrutturazione consente di beneficiare di una detrazione IRPEF pari al 50%della spesa sostenuta, entro il limite di 96.000 euro. È possibile beneficiare della detrazione per diverse tipologie di interventi quali:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali,
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze.

Tra le spese che è possibile portare in detrazione cono presenti, tra le altre, quelle sostenute per la realizzazione e il miglioramento di servizi igienici, per la sostituzione di infissi e serramenti, così come anche i costi sostenuti per la recinzione dell’area privata.

A poter beneficiare del bonus casa 2022 sono i soggetti tenuti al versamento delle imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia.

Chi può beneficiare del Bonus casa 2022? Può detrarre il 50% della spesa sostenuta non solo il proprietario dell’abitazione presso la quale sono effettuati i lavori, ma anche i titolari di un diritto reale di godimento, così come ad esempio i locatari o comodatari.

H3 Bonus casa 2022, detrazione del 50% per mobili ed elettrodomestici

A chi effettuerà lavori di ristrutturazione in casa verrà riconosciuto nel 2022 e fino al 31 dicembre 2024 anche il bonus mobili, la detrazione fiscale del 50% spettante in caso di acquisto di arredi ed elettrodomestici.

La Legge di Bilancio 2022 ha confermato infatti il limite massimo di spesa pari a 10.000 euro per l’anno in corso. Dal 2023 la detrazione si passerà invece a 5.000 euro.

Come previsto anche negli scorsi anni, il bonus mobili è riconosciuto per l’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione edilizia.

Da sottolineare che si potrà accedere al bonus mobili a condizione che gli interventi di recupero del patrimonio edilizio siano iniziati a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto.

H2 Bonus casa 2022, ecobonus del 110, 65 e 50%

L’ecobonus ordinario dal 65 al 50% è una detrazione fiscale IRPEF ed IRES riconosciuta per diverse tipologie di spese, tra cui quelle relative alla sostituzione di caldaie o, ad esempio, di finestre e infissi.

Attualmente le aliquote del bonus per chi effettua lavori in casa sono diverse e, accanto alla misura standard del 50 e del 65%, è prevista un’agevolazione più cospicua e fino all’85% per i lavori condominiali.

L’introduzione del superbonus 110 ha portato all’incremento dell’aliquota della detrazione spettante per alcuni lavori di riqualificazione energetica per i quali è prevista una detrazione fiscale del110%.

Si tratta dei cosiddetti lavori trainanti (isolamento termico, sostituzione impianti di climatizzazione e anche lavori antisismici, questi ultimi compresi nel SismaBonus che permettono di includere nell’aliquota maggiorata anche i cosiddetti lavori trainati.

Per quel che riguarda il superbonus, è bene evidenziare le scadenze previste per fruire della detrazione al 110%:

  • per le unifamiliari, il bonus casa maggiorato spetta fino al 31 dicembre 2022, a patto di raggiungere il 30% dell’intervento complessivo entro il 30 giugno;
  • per i condomini e le persone fisiche proprietarie o comproprietarie di edifici da 2 a 4 unità immobiliari, spetta fino al 2023. Nel 2024 l’agevolazione scende al 70% e nel 2025 al 65%, arrivando quindi all’aliquota ordinaria prevista per l’ecobonus.

Se ci stiamo trasferendo in una nuova abitazione dovremo effettuare per tempo anche il trasloco delle utenze. Se nell’immobile non è presente un contatore di luce e gas dovremo contattare il fornitore e provvedere con un primo allaccio delle utenze. Se vogliamo installare una connessione internet domestica dovremo valutare le migliori offerte internet casa presenti sul mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *